Spitfire Mk IX UTI - AZ Model 1/72

Spitfire Mk IX UTI - AZ Model 1/72

Il velivolo è un Mk IX standard modificato direttamente in URSS per realizzare un biposto...

Gloster Gladiator - Hobby Boss 1/72

Gloster Gladiator - Hobby Boss 1/72

L’Aviazione Lettone ebbe in carico 26 aerei, acquistati direttamente dalla Gran Bretagna...

Eurofighter Typhoon - Revell 1/72

Eurofighter Typhoon - Revell 1/72

Il modello Revell in Scala 1/72 riproduce correttamente le forme di questo bel caccia europeo. ...

VEF Irbitis I-16 - CMR 1/72

VEF Irbitis I-16 - CMR 1/72

Il velivolo è un caccia monomotore ad ala bassa realizzato da Karlis Irbitis...

MIG 15

MIG 15 "Fagot Egg" - Hasegawa

Ecco un simpatico modellino “caricaturale”. E’ molto simpatico, lo stampo...

  • Spitfire Mk IX UTI - AZ Model 1/72

    Spitfire Mk IX UTI - AZ Model 1/72

  • Gloster Gladiator - Hobby Boss 1/72

    Gloster Gladiator - Hobby Boss 1/72

  • Eurofighter Typhoon - Revell 1/72

    Eurofighter Typhoon - Revell 1/72

  • VEF Irbitis I-16 - CMR 1/72

    VEF Irbitis I-16 - CMR 1/72

  • MIG 15

    MIG 15 "Fagot Egg" - Hasegawa

HomeModelliGallerieAereiAerei WWIIMartin Baltimore MkIV - Special Hobby 1/72 (parte 2)

Martin Baltimore MkIV - Special Hobby 1/72 (parte 2)

Martin Baltimore MkIV - Special Hobby 1/72 (parte 2)Martin Baltimore MkIV - Special Hobby 1/72 (parte 2)

Nella seconda parte di questo articolo tratteremo per esteso la colorazione, l’invecchiamento e l’ambientazione del modello.

Martin Baltimore MkIV - Special Hobby 1/72 (parte 2)Martin Baltimore MkIV - Special Hobby 1/72 (parte 2)

Colorazione: Terminato il montaggio, ( non dei più semplici che abbia fatto….) è finalmente tempo di iniziare le mie fasi preferite, la verniciatura e l’invecchiamento, questi passaggi sono fondamentali per la buona riuscita di un modello. Io sono convinto che sia inutile aprire vani e superdettagliare tutto, se poi la colorazione e l’invecchiamento non sono all’altezza del resto.

Martin Baltimore MkIV - Special Hobby 1/72 (parte 2)Martin Baltimore MkIV - Special Hobby 1/72 (parte 2)

Sicuramente un modello realistico, con una bella colorazione ben ombreggiata e invecchiato con “arte” e senso della misura ma senza vani aperti o motori in vista è da preferire a modelli zeppi di resine ma colorati male o montati con stuccature approssimative. Questo non toglie che quando si abbinano superdettaglio e colorazione ben realizzata, il risultato sarà certo spettacolare!

Martin Baltimore MkIV - Special Hobby 1/72 (parte 2)Martin Baltimore MkIV - Special Hobby 1/72 (parte 2)

Al lavoro: Per cominciare si mascherano i trasparenti, poi si spruzza una mano di grigio chiaro Tamiya come fondo, in pratica il grigio è quasi un bianco, con dentro qualche goccia di grigio XF 66. Uso il colore Tamiya perché permette, una volta ben asciutto, di essere carteggiato delicatamente per uniformare le superfici ed eliminare tutti i più piccoli difetti, come graffi e imperfezioni.

Martin Baltimore MkIV - Special Hobby 1/72 (parte 2)Martin Baltimore MkIV - Special Hobby 1/72 (parte 2)

Nel caso del Baltimore, il colore molto chiaro del fondo aiuterà al momento di stendere il colore bianco delle superfici inferiori e delle fiancate, dato che il bianco è una tinta poco coprente.

Martin Baltimore MkIV - Special Hobby 1/72 (parte 2)Martin Baltimore MkIV - Special Hobby 1/72 (parte 2)

Le prese d’aria dei motori si sovrappongono sulle carenature delle gondole, creando un leggero rilievo sulla zona di giunzione; un ottimo sistema per fare zone in rilievo sul modello, ( gli Short Run non sono come i Tamiya e certe cose bisogna farsele in casa…..) consiste nel mascherare con nastro adesivo intorno alla zona che vogliamo fare in rilievo, poi spruzzare abbondantemente un fondo tipo Tamiya oppure un colore acrilico normale. Togliendo la mascheratura avremo la zona in rilievo, una delicata carteggiatura eliminerà poi tutte le imperfezioni.

Martin Baltimore MkIV - Special Hobby 1/72 (parte 2)Martin Baltimore MkIV - Special Hobby 1/72 (parte 2) 

Tutte le parti bianche hanno ricevuto prima della colorazione una preombreggiatura con un grigio medio. Ora si stendono alcune mani leggere di bianco opaco Aeromaster 1012, lasciando trasparire la Preombreggiatura .

Martin Baltimore MkIV - Special Hobby 1/72 (parte 2)Martin Baltimore MkIV - Special Hobby 1/72 (parte 2)

Inizia un lungo lavoro di mascheratura delle parti che rimarranno bianche. La linea ondulata caratteristica dei velivoli del Coastal Command è realizzata tagliando con un cutter a lama girevole il nastro Tamiya in modo irregolare, come si vede sul profilo e in alcune foto dei Baltimore greci.

Martin Baltimore MkIV - Special Hobby 1/72 (parte 2)Martin Baltimore MkIV - Special Hobby 1/72 (parte 2)

Passiamo alla mimetica superiore: lo Slate grey è uno dei colori più “indefinibili” che conosco, una sorta di grigio-verde, che esposto al sole sui ponti delle portaerei, prende una tonalità tipo “ Olive Drab “ americano. Per ottenere la tonalità che mi sembrava giusta per il mio modello, ho fatto una miscela di Slate Grey 1119 Aeromaster e U.S. Yellow 1051 in percentuale di 7 a 1. Dopo aver steso la prima mano di colore, il mio Baltimore sembrava un B-25 americano, ma niente paura, dopo l’invecchiamento, la tonalità sarà perfetta!

Martin Baltimore MkIV - Special Hobby 1/72 (parte 2)Martin Baltimore MkIV - Special Hobby 1/72 (parte 2)

Il colore è stato ombreggiato e schiarito con miscele molto diluite, più scure per le linee di pannellatura e più chiare per il centro dei pannelli. Il lavoro è stato fatto su tutte le superfici superiori prima di applicare le mascherature.
Le mascherature delle zone che rimarranno in Slate Grey, sono ricavate dalla pellicola a bassa adesione per grafici Frisket, e sono state fissate con attenzione sul modello migliorando l’adesione nei punti critici con nastro Tamiya.  Ora si può dare il secondo colore della mimetica, Exta Dark Sea Grey 1118, questa volta la tinta è utilizzata pura, dato che la tonalità è perfetta.

Martin Baltimore MkIV - Special Hobby 1/72 (parte 2)Martin Baltimore MkIV - Special Hobby 1/72 (parte 2)

Lo stesso procedimento di ombreggiatura e schiaritura è applicato anche a questo colore. Finalmente è il momento di togliere le mascherature, e se avremo lavorato bene avremo un modello ombreggiato in modo uniforme anche con colori differenti. Dopo aver tolto ultime mascherature, appare anche il bianco, in questa fase il contrasto

Martin Baltimore MkIV - Special Hobby 1/72 (parte 2)Martin Baltimore MkIV - Special Hobby 1/72 (parte 2)

Tra il bianco e gli altri colori è molto vivo, ma dopo i lavaggi e l’invecchiamento, quest’effetto si smorzerà. Inizia la fase dei trasparenti: per primo si applica il lucido,  che prepara le superfici alla posa delle decals.
Una giornata d’attesa, una seconda mano di trasparente lucido Aeromaster, un altro giorno per essere certi che tutto sia asciutto, e si passa ai lavaggi: il colore è stato differenziato a secondo della tinta di base; sul bianco è stato usato un grigio medio, mentre sui colori scuri ho usato la classica miscela di Terra di Siena Bruciata e nero, uniformando in seguito le linee di pannellatura con Drybrush e velature.
 

Martin Baltimore MkIV - Special Hobby 1/72 (parte 2)Martin Baltimore MkIV - Special Hobby 1/72 (parte 2)

Terminati gli ultimi ritocchi alla colorazione si passa una mano di trasparente opaco, sempre Aeromaster. Gli ultimi passaggi in cui si usa l’aerografo sono la pittura dei fumi di scarico e delle armi ed alcune velature con i colori della mimetica, fatte per ridare vivacità alla colorazione, spenta dal trasparente opaco.
Ora arriva il momento che ogni modellista aspetta con impazienza, si tolgono le ultime mascherature dalle parti vetrate e si può finalmente ammirare il modello quasi terminato!

 

Martin Baltimore MkIV - Special Hobby 1/72 (parte 2)Martin Baltimore MkIV - Special Hobby 1/72 (parte 2)

Siamo arrivati all’ultima fase del lungo processo di invecchiamento: con una miscela di alluminio Humbrol 56 e grigio chiaro matt 127, si dipingono le scrostature sulle zone più soggette ad usura. Lo scopo della miscela di alluminio e grigio è di avere un colore chiaro, ma non troppo brillante da contrastare con la finitura opaca dell’aereo, evitando di dovere passare una seconda mano di opacizzante.

 

Martin Baltimore MkIV - Special Hobby 1/72 (parte 2)Martin Baltimore MkIV - Special Hobby 1/72 (parte 2)

Per finire, con un pennello piatto si creano le colature dai tappi dei serbatoi e striature chiare e scure sulla mimetica, sempre nel senso dell’attrito dell’aria, a mio giudizio il sistema migliore per avere effetti fini, adatti alla scala 1: 72, rimane il Drybrush. Ecco come si presenta il Baltimore al termine dell’ invecchiamento .

Martin Baltimore MkIV - Special Hobby 1/72 (parte 2)Martin Baltimore MkIV - Special Hobby 1/72 (parte 2)

Il montaggio prosegue ora con il motore destro e le eliche , i carrelli , la torretta e Il portello di accesso inferiore. I due lunghi corrimano sulla fusoliera, di spessore eccessivo, sono stati rifatti in filo di rame e fissati solo al termine, data l’estrema fragilità.

Martin Baltimore MkIV - Special Hobby 1/72 (parte 2)Martin Baltimore MkIV - Special Hobby 1/72 (parte 2)

Il modello si completa con i fili delle antenne in sprue stirato a caldo, con gli isolanti fatti con una goccia di colore bianco denso. I portelli della cabina e del muso, con le tendine parasole in pellicola d’alluminio alimentare, saranno incollati al termine del montaggio.

Martin Baltimore MkIV - Special Hobby 1/72 (parte 2)Martin Baltimore MkIV - Special Hobby 1/72 (parte 2)

Ambientazione e collocazione storica: Il 13° squadron “FREE GREECE” operò in Egitto dalla base di Gambut, prima con gli Avro Anson, poi con i Blenheim mk 4 e infine dal 1943, con i Martin Baltimore, in questo periodo gli aerei greci erano ancora inquadrati nella RAF, e l’unico accenno ai colori nazionali sul modello è rappresentato dai mozzi delle eliche.
 

Martin Baltimore MkIV - Special Hobby 1/72 (parte 2)Martin Baltimore MkIV - Special Hobby 1/72 (parte 2)

Basetta: L’idea dell’ ambientazione si basa su due sole certezze: sulla base di Gambut 1 la pista era in cemento ( ho visto una foto di un Blenheim mk 5 greco che lo prova). La seconda certezza è che in Egitto c’è il deserto! Forte di tutte queste informazioni ho dato libero sfogo alla fantasia; per prima cosa ho impostato i volumi e inciso i piastrelloni in cemento utilizzando fogli di plasticard fissati alla base con Vinavil.
La disposizione dell’aereo, dei figurini e degli accessori viene provata prima di realizzare il terreno. Come al solito ho steso uno strato sottile di Dash, fissato con colla vinilica e ricoperto con polveri a grana fine tipo Tauromodel. La principale differenza dalle altre ambientazioni che ho fatto è la quantità di rocce: infatti, ho cercato do riprodurre l’aspetto di alcune rocce affioranti dalla sabbia che vidi anni fa, durante un viaggio in Egitto. Queste rocce sono naturali e provengono dalle montagne modenesi. La colorazione è stata fatta preferendo i toni caldi e utilizzando lavaggi rossicci.

Martin Baltimore MkIV - Special Hobby 1/72 (parte 2)Martin Baltimore MkIV - Special Hobby 1/72 (parte 2)

 Le pietre sono lasciate nel loro colore naturale, enfatizzandone la struttura con un drybrush in grigio chiaro. I bidoni che creano il riparo paraschegge sono stati svuotati con una piccola fresa nella parte superiore e riempiti con terriccio. La forma e la colorazione dei bidoni è volutamente diversa, per sottolineare l’idea che si tratti di vecchi fusti di recupero. Tutti i piccoli particolari che daranno vita alla scena sono colorati minuziosamente, e provengono da vari set in resina o sono autocostruiti (teli e portelli del motore smontati).
I figurini sono stati scelti e modificati per sottolineare il caldo e la sete che si provava sulle basi nel deserto: il personaggio in piedi che parla con quello seduto, proviene dal set Presier di carristi tedeschi sono in pratica da scatola, con lievi modifiche ai pantaloni (tasche posteriori).

Martin Baltimore MkIV - Special Hobby 1/72 (parte 2)Martin Baltimore MkIV - Special Hobby 1/72 (parte 2)

 Il secondo, intento a bere, deriva da un soldato africa korps Esci ristampato in resina, a cui sono state sostituite mani e testa e modificate le ghette per trasformarle in calzettoni, infine quello seduto proviene anch’esso dal set dei carristi tedeschi, si tratta del personaggio che suonava la fisarmonica, modificato nella postura di mani, braccia e testa. 

Martin Baltimore MkIV - Special Hobby 1/72 (parte 2)Martin Baltimore MkIV - Special Hobby 1/72 (parte 2)

Con la pittura ho cercato di dare ai personaggi un’aria latina, con capelli scuri e pelle abbronzata (per fortuna questa è una rivista di aerei e spero che i figurinisti non la leggano…..) Ora la scena è pronta, manca solo il protagonista…
 

Martin Baltimore MkIV - Special Hobby 1/72 (parte 2)

Il lungo lavoro di costruzione, iniziato due anni fa e abbandonato più volte per altri progetti termina con l’incollaggio del modello alla base. 
La costruzione del Baltimore, anche se impegnativa, nel complesso mi ha dato molte soddisfazioni e mi ha permesso finalmente di provare la colorazione del Coastal Command, che desideravo fare da molto tempo, trovo sia la più elegante livrea di tutta la seconda guerra mondiale.


Documentazione: 

  • Finatech nr. 1 Martin Baltimore nell’ aviazione greca
  • Ali Straniere d’Italia nr. 3 Martin Baltimore
  • Notiziario C.M.P.R. nr. 1/96
  • Warpaint Martin Baltimore
  • Profile nr. 232 Baltimore


Modello di Andrea Vignocchi

Go to top