Spitfire Mk IX UTI - AZ Model 1/72

Spitfire Mk IX UTI - AZ Model 1/72

Il velivolo è un Mk IX standard modificato direttamente in URSS per realizzare un biposto...

Gloster Gladiator - Hobby Boss 1/72

Gloster Gladiator - Hobby Boss 1/72

L’Aviazione Lettone ebbe in carico 26 aerei, acquistati direttamente dalla Gran Bretagna...

Eurofighter Typhoon - Revell 1/72

Eurofighter Typhoon - Revell 1/72

Il modello Revell in Scala 1/72 riproduce correttamente le forme di questo bel caccia europeo. ...

VEF Irbitis I-16 - CMR 1/72

VEF Irbitis I-16 - CMR 1/72

Il velivolo è un caccia monomotore ad ala bassa realizzato da Karlis Irbitis...

MIG 15

MIG 15 "Fagot Egg" - Hasegawa

Ecco un simpatico modellino “caricaturale”. E’ molto simpatico, lo stampo...

  • Spitfire Mk IX UTI - AZ Model 1/72

    Spitfire Mk IX UTI - AZ Model 1/72

  • Gloster Gladiator - Hobby Boss 1/72

    Gloster Gladiator - Hobby Boss 1/72

  • Eurofighter Typhoon - Revell 1/72

    Eurofighter Typhoon - Revell 1/72

  • VEF Irbitis I-16 - CMR 1/72

    VEF Irbitis I-16 - CMR 1/72

  • MIG 15

    MIG 15 "Fagot Egg" - Hasegawa

HomeModelliGallerieAereiAerei WWIIHeinkel He219 Uhu - Dragon 1/72

Heinkel He219 Uhu - Dragon 1/72

Heinkel He219 Uhu - Dragon 1/72Heinkel He219 Uhu - Dragon 1/72

Per la scelta del modello non esistono molte possibilità in quanto, escludendo il vecchio stampo Frog/Revell (ora ristampato anche da Matchbox), non rimane che affidarsi al kit della Dragon. Quest’ultimo si presenta con pannellature incise e con un discreto livello di dettaglio sia per quanto riguarda gli interni sia per l’aspetto generale. Non è però il caso d’illudersi dal momento che, come vedremo in seguito, gli errori da correggere sono parecchi e l’assemblaggio richiede una discreta dose di pazienza e di stucco. Va ricordato inoltre che alcuni pezzi proposti sono del tutto inutilizzabili perchè, per forme e/o dimensioni, sono incompatibili con le sedi a loro destinate.

 

Heinkel He219 Uhu - Dragon 1/72Heinkel He219 Uhu - Dragon 1/72

Fusoliera
Non richiede particolari interventi salvo una certa attenzione al momento della chiusuraper far combaciare le pannellature. Ho preferito però sostituire il pannellino rettangolare riportante la volata dei due cannoni dorsali, con uno autocostruito in plasticard in quanto, quello fornito, era sottodimensionato rispetto alla sua sede. L’antenna circolare proposta dal kit è stata sostituita con quella in fotoincisione fornita dalla Eduard nel foglio n. 72-054. Il pannello circolare in plastica trasparente da apporre come copertura alla suddetta antenna deve essere assottigliato, in quanto se montato così com’è sporgerebbe dalla fusoliera di circa ½ millimetro. Per agevolare l’operazione sono intervenuto anche aumentando la profondità del vano dell’antenna.

 

Heinkel He219 Uhu - Dragon 1/72Heinkel He219 Uhu - Dragon 1/72

Interni
Tutte le parti fornite dalla Dragon sono state sostituite con quelle in resina della Cooper Detail. Queste ultime sono veramente ottime e garantiscono un elevato livello di dettaglio senza ulteriori aggiunte. Bisogna solo verificare se installare o meno i due elementi conici degli schermi radar in base al numero ed al tipo di questi ultimi installati sull’esemplare scelto. Bisogna comunque sottolineare che gli interni forniti dalla Dragon sono accettabili e se si decide di lasciare il tettuccio chiuso necessitano solo di poche migliorie.

 

Heinkel He219 Uhu - Dragon 1/72Heinkel He219 Uhu - Dragon 1/72

Tettuccio
Il tettuccio è stato ristampato sottovuoto con l’ausilio di una nuova macchina Vacuum Form recentemente acquistata dalla nostra associazione. Come master è stato utilizzato quello fornito nella scatola dopo averlo adattato alle forme della fusoliera. Una volta completato lo stampaggio ho provveduto alla separazione dei vari elementi per rappresentare l’accesso all’abitacolo aperto.

Gondola ventrale
Sono stati aperti tutti i fori di espulsione bossoli e richiusi dall’interno con pasticard. La volata delle armi in caccia è da modificare in quanto sono presenti solo i quattro fori d’ucita dei proiettili senza però alcun dettaglio interno. Sono intervenuto inserendo in ogni foro un tubicino in plasticard, all’interno del quale è stata incollata una sezione di ago di siringa. La parte sporgente del tubicino è stata tagliata in obliquo e riadattata alla parte frontale della gondola ricreando così i fori ovali della volata dei cannoni.

 

Heinkel He219 Uhu - Dragon 1/72Heinkel He219 Uhu - Dragon 1/72

Ali
Sono state accentuate le incisioni delle parti mobili e nel contempo sono state corrette quelle relative agli alettoni interni inferiori, sul lato di congiunzione con la fusoliera. Le luci di posizione proposte dalla scatola sono del tutto inutilizzabili in quanto sono probabilmente destinate ad un altro tipo di aereo. Dimensioni e forme infatti, sono totalmente incompatibili con gli scassi previsti per la loro collocazione. Le prese d’aria sul bordo d’attacco alare sono state chiuse dall’interno ricreando sia il fondo delle stesse sia le pareti laterali. Vista la difficoltà nell’eseguire stuccature e successive levigature in queste zone ho utilizzato della carta imbevuta di cianoacrilato per la realizzazione di tutti gli elementi interni ai condotti. Sono stati poi aggiunti gli attuatori dei trim.

Piani di coda
E' stata corretta e approfondita la presa d’aria sul bordo d’attacco del piano orizzontale destro. Il lavoro è stato completato aggiungendo gli attuatori dei trim.


Heinkel He219 Uhu - Dragon 1/72Heinkel He219 Uhu - Dragon 1/72

Gondole motori
Le pannellature dei portelli d’ispezione motori sono sbagliate e pertanto sono state stuccate e reincise in modo corretto.

Vano carrelli principali
La ditta fornisce solo la parte anteriore del pianale con relativa paratia perciò ho dovuto autocostruire sia la parte posteriore, che la relativa paratia. In questa fase ho provveduto anche ad allargare leggermente la base del pianale dal momento che, se lasciato così come da scatola, non arriverebbe a toccare le pareti laterali della gondola motore. Le pareti laterali sono prive di ogni dettaglio e pertanto ho ricostruito tutta la centinatura laterale. Il lavoro è stato completato aggiungendo poi i vari tubi e cablaggi presenti sia sulle pareti che sulla paratia anteriori.

Vano carrello anteriore
E' stato eliminato totalmente quello proposto dalla ditta per far posto a quello in resina della Cooper Detail che si presenta già completo di tutti i vari dettagli interni. Sono stati aggiunti anche in questo caso alcuni tubetti ed alcuni cablaggi.


Heinkel He219 Uhu - Dragon 1/72Heinkel He219 Uhu - Dragon 1/72

Carrelli principali
Sono stati aggiunti i tubicini dei freni ed il tirante posto tra i due elementi della forcella formata dalla gamba del carrello, all’interno della gondola motore. Per quanto riguarda la forcella dell’ammortizzatore, è stata utilizzata quella della scatola dopo aver aperto i fori di alleggerimento. Un discorso a parte meritano i due ammortizzatori che sono situati parallelamente all’asta di rinforzo della gamba del carrello. Questo tipo di aereo ne montava di due tipi: quelli con le molle a vista (normalmente montati sui prototipi e i velivoli di preserie) e quelli con le stesse rinchiuse in un contenitore cilindrico forato. L’esemplare da me riprodotto era dotato di queste ultime, come documentato da una fotografia che mostra chiaramente tutta la semiala destra vista inferiormente. Questi ammortizzatori sono stati perciò autocostruiti utilizzando della carta forata avvolta intorno ad una barretta cilindrica di sprue e fissata con cianoacrilato. Un’ulteriore autocostruzione ha riguardato l’attuatore del sistema di retrazione della gamba del carrello.

Heinkel He219 Uhu - Dragon 1/72Heinkel He219 Uhu - Dragon 1/72

Carrello anteriore
E' stata sostituita la forcella dell’ammortizzatore con quella in fotoincisione del foglio Eduard

Ruote
Per quanto riguarda le ruote del carrello principale sono state leggermente appiattite. Sono stati inoltre aggiunti i tubicini dell’impianto idraulico del sistema frenante, fuoriuscenti dal cerchione. Il cerchione della ruota anteriore è stato forato per rappresentare in modo più realistico i raggi dello stesso. Anche in questo caso lo pneumatico è stato leggermente appiattito.


Heinkel He219 Uhu - Dragon 1/72Heinkel He219 Uhu - Dragon 1/72

Portelli carrello principale 
Sono stati levigati internamente in quanto presentavano dei bruttissimi ritiri della plastica. Una volta completata quest’operazione, sono stati aggiunti dei piccoli elementi trapezioidali in prossimità del bordo interno anteriore di ognuno.

Portelli carrello anteriore 
Sono stati entrambi autocostruiti in plasticard dal momento che, quelli proposti, erano decisamente spessi. Per quanto riguarda il dettaglio interno ho applicato su di ognuno la relativa fotoincisione del foglio Eduard.

 

Heinkel He219 Uhu - Dragon 1/72Heinkel He219 Uhu - Dragon 1/72

Scarichi 
Sono stati modificati autocostruendo la parte cilindrica anteriore di ognuno di essi, eliminando così quella proposta dalla ditta che si presenta sottodimensionata in diametro. La stessa è stata poi forata per consentire l’inserimento dellla griglia circolare fotoincisa del foglio Eduard. Un’ulteriore modifica ha riguardato la diminuzione dello spessore della base di fissaggio degli scarichi al motore in quanto se lasciati così, gli stessi verrebbero a trovarsi in posizione troppo esterna.

Nache 
Sono stati assottigliati notevolmente i flabelli dei radiatori. Ho provveduto poi a migliorare il dettaglio del radiatore stesso aggiungendo dei pezzettini di alluminio inciso tutt’intorno alla base di appoggio dei flabelli.

.

Heinkel He219 Uhu - Dragon 1/72Heinkel He219 Uhu - Dragon 1/72

Eliche
Sono state assottigliate e leggermente arrotondate alla sommità delle pale.

Ogive
Sono state leggermente accorciate alla base e forate anteriormente.

Antenne
E' stato totalmente ricostruito il sistema di fissaggio dei bracci di sostegno del FuG 220 in quanto quello fornito dalla ditta è decisamente improponibile. I perni presenti sugli stessi sono troppo magri e corti per consentire un corretto assemblaggio ed allineamento delle antenne. Pertanto ho provveduto ad assottigliare lo spessore dei bracci e ad inserire alla base degli stessi dei perni in rame che consentissero un corretto montaggio a secco di tutto l’insieme, consentendo poi il fissaggio con il cianoacrilato. Dal foglio in acciaio fotoinciso fornito dalla DRAGON, sono state utilizzate le antenne dell’ FuG 220 (dopo averle però rese di sezione circolare mediante abbondanti mani di smalto Humbrol) e quella ad asta ventrale. Dal foglio Eduard invece, sono state prelevate quella ad asta posta sopra il tettuccio, quella caudale, quelle a T del radioaltimetro FuG 101 poste sotto la semiala destra e quella ventrale per l’atterraggio cieco.

Heinkel He219 Uhu - Dragon 1/72Heinkel He219 Uhu - Dragon 1/72

Mimetica / Colorazione
L’esemplare da me scelto è un He 219 A-5s “G9+DH” della 1./NJG 1 Wnr. 290004 basato a Künster nel 1945. Di questo soggetto, sono in possesso di 5 fotografie dalle quali si può rilevare che il velivolo presentava la classica mimetica dei caccia notturni della Luftwaffe, ossia una base di 76 con chiazze sfumate in 75. La disposizione di queste ultime però è abbastanza particolare, in quanto si presenta con una densità molto fitta e regolare. Un’altra particolarità riguarda le dimensioni delle stesse dal momento che sono molto piccole e circolari con bordo sfumato. Per quanto riguarda le superfici inferiori si nota chiaramente che l’aereo presentava la semiala destra verniciata in nero, cosa abbastanza rara per un He 219. (non più di 3 o 4 esemplari documentati fotograficamente). Per quanto riguarda le ogive si può affermare con certezza che non presentavano la consueta spirale bianca su fondo nero ma erano invece completamente in 76. Le eliche sembrerebbero essere invece nel classico verde scuro 70.

Heinkel He219 Uhu - Dragon 1/72Heinkel He219 Uhu - Dragon 1/72

Decals

Le croci sull’estradosso alare sono state dipinte direttamente mediante l’utilizzo di mascherire autocostruite mentre tutte le altre sono state prelevate dai fogli SuperScale n.72-156 e 72-160. Per quanto riguarda il numero di matricola riportato sui timoni verticali e per il codice G9 in fusoliera ho utilizzato dei trasferibili applicati su decal trasparente e successivamente posizionati sul modello. Il codice H è stato recuperato dal foglio B.A.F.R.A. D04 mentre la lettera D nera bordata di bianco è stata autocostruita applicando prima la lettera su di un foglio decal bianco e quindi scontornandola con il cutter per ricavare l’outline bianco.

Modello di Marco Baltieri

 

Go to top