MIG 15

MIG 15 "Fagot Egg" - Hasegawa

Ecco un simpatico modellino “caricaturale”. E’ molto simpatico, lo stampo...

Ducati 900 SS - Tamiya 1/8

Ducati 900 SS - Tamiya 1/8

   La Ducati 900 SS nasce nel 1977 e deriva dalla precedente 750 SS ( Super Sport...

Blohm und Voss 155 - Special Hobby 1/72

Blohm und Voss 155 - Special Hobby 1/72

Modello in scala 1/72, della Special Hobby, discreti i dettagli con parti in resina, discrete...

Miles Magister - RS Models 1/72

Miles Magister - RS Models 1/72

Il velivolo è un biposto da addestramento utilizzato dalla Lettonia in un unico esemplare...

Polikarpov I-16 Type 24 - Hasegawa 1/72

Polikarpov I-16 Type 24 - Hasegawa 1/72

Il modello è un Polikarpov I-16 Type 24, in scala 1/72 della Hasegawa, colorato con...

  • MIG 15

    MIG 15 "Fagot Egg" - Hasegawa

  • Ducati 900 SS - Tamiya 1/8

    Ducati 900 SS - Tamiya 1/8

  • Blohm und Voss 155 - Special Hobby 1/72

    Blohm und Voss 155 - Special Hobby 1/72

  • Miles Magister - RS Models 1/72

    Miles Magister - RS Models 1/72

  • Polikarpov I-16 Type 24 - Hasegawa 1/72

    Polikarpov I-16 Type 24 - Hasegawa 1/72

HomeTecnicaColorazione base dei figurini

Colorazione base dei figurini

Premettendo che non sono certo un'esperta, posso però dire che tecniche utilizzo per colorare i miei figurini.

Ovviamente premessa indispensabile è quella di dire che ogni figurino deve avere un suo carattere e personalità, e che ovviamente dipende tantissimo anche l'ambientazione nella quale và poi inserito il personaggio, se si tratta di un soldato esso dovrà apparire a seconda dell'impego sporco e lacero, oppure pulito e impeccabile.
La maggioranza di noi utilizza colori a olio, io personalmente invece utilizzo sia gli smalti Humbrol che gli acrilici Lifecolor, non ho mai avuto problemi e anche sovrapponendoli non ci sono problemi.

Molti utilizzano l'aeropenna per superfici molto ampie, io solo pennello, a punta rotonda (Uso quelli a punta piatta solo per le lumeggiature).

1° FASE:
Prendendo come esempio un figurino molto semplice di donna con molte parti in pelle a vista, bisogna subito avere bene in mente la postura finale e la direzione della luce, ovviamente dopo aver terminato il montaggio e controllato che tutto sia corretto, io passo sul modello un colore chiaro, solitamente un grigio per evidenziare imperfezioni o incollature poco precise, tale mano di colore, oltre allo scopo appena citato, permette anche di evidenziare i dettagli del figurino e da fare per primer ai colori sucessivi.

2° FASE:
Il primo colore da utilizzare è il color carne. (Ripeto che come esempio abbiamo preso una figura femminile poco vestita Occidentale)..
Io utilizzo l'Humbrol n°61 con una punta di marrone (Il nocciola n°6 andrà benissimo) giusto per scurire un pochetto il colore di base, dipingo tranquillamente tutte quelle parti che andranno colorate in carne, a colore usciutto, ripasso la miscela base (Senza il marrone) su quasi tutto il corpo, ad eccezione delle zone che resteranno palesemente in ombra (Es. sotto le ascelle, interno cosce ecc...) cercando di sfumare il più possibile i due colori; un metodo che trovo comodo è quello di usare la tecnica del pennello asciutto nelle vicinanze delle sfumature. Il passo sucessivo è quello di dare il color carne più chiaro nelle zone più esposte alla luce, come le spalle, la parte superiore delle braccia, il viso, ecc... con il Carnicino Opaco LC41 della Lifecolor, stesso sistema di prima, nelle zone dove deve sfumare col colore precedente, tecnica del pennello asciutto.

A questo punto la pelle è praticamente fatta, eventualmente si possono lumeggiare ulteriormente le zone in piena luce aggiungendo una punta di bianco con il carnicino delle Lifecolor (Ovviamente in questo caso un'acrilico) e passarlo SOLO con pennello asciutto sulle zone più esposte.

3° FASE:
Il dettaglio del viso è sicuramente la cosa più difficile da fare, considerate che l'attenzione principale sarà proprio il viso, si parte dagli occhi, prima il bianco (Con una punta di grigio, mai utilizzare il bianco puro, a meno che non vogliate rappresentare un morto vivente...) che passerete bene all'interno dell'occhio facendo attenzione a non debordare sul viso, altrimenti poi si dovrà ritoccare, una volta asciutto farete l'iride (Dopo averne scelto il colore), considerate che non deve essere un cerchio perfetto, ma avere la parte alta che tocca la soppraciglia e la parte bassa che affonda nella palpebra (Tipo un pneumatico un pò sgonfio), e infine farete la pupilla. Consiglio sempre di dare movimento agli occhi, cioè di non avere lo sguardo fisso avanti tipo faccia da pesce lesso, ma dare l'impressione che il soggetto guardi un pò a dx o a sx. Poi a seconda della grandezza del figurino si può dare un piccolo riflesso alla pupilla con una punta di bianco ad una estremità.

4° FASE:
Le labbra e le arcate soppracigliari sono anch'esse importanti, le sopraciglia devono riprendere in parte il colore dei capelli, solo un pò più scure, si possono utilizzare anche matite colorate (Sopratutto nelle figure femminili) dando una forma non ad arco ma accentuata nella parte interna verso il basso, mentre all'esterno dell'occhio devono essere un pò più rettilinee. Le labbra devono essere di un colore rosso ma non troppo, (lo stesso sistema può essere utilizzato anche per la colorazione dei capezzoli) si possono miscelare tra loro il carnicino LC41 della Lifecolor col rosso LC56 sempre della Life, in maniera che sia un color carne più vivace, seguire attentamente i bordi, e poi nella zona più esposta passare lo stesso colore ma con una punta di bianco a pennello asciutto.

5° FASE:
I capelli, dopo averne scelto la tonalità di colore, che comunque non deve essere troppo accesa, si passa una prima mano di colore scurito con una punta di marrone su tutti i capelli, quando è asciutto si passa la tonalità scelta ma non in tutte le asperità, in maniera da dare l'impressione delle ombre, e quindi sempre con lo stesso colore ma leggermente schiarito si passa a pennello asciutto per dare profondità, alla fine aggiungendo del bianco su possono dare dei leggeri colpi di luce.
A questo punto avremmo anche finito, se non si sono commessi errori, e se si farà tutto con pazienza l'80% del lavoro è fatto, per i vestiti o i dettagli aggiuntivi il sistema è lo stesso.

 

di Adele

Go to top