MIG 15

MIG 15 "Fagot Egg" - Hasegawa

Ecco un simpatico modellino “caricaturale”. E’ molto simpatico, lo stampo...

Ducati 900 SS - Tamiya 1/8

Ducati 900 SS - Tamiya 1/8

   La Ducati 900 SS nasce nel 1977 e deriva dalla precedente 750 SS ( Super Sport...

Blohm und Voss 155 - Special Hobby 1/72

Blohm und Voss 155 - Special Hobby 1/72

Modello in scala 1/72, della Special Hobby, discreti i dettagli con parti in resina, discrete...

Miles Magister - RS Models 1/72

Miles Magister - RS Models 1/72

Il velivolo è un biposto da addestramento utilizzato dalla Lettonia in un unico esemplare...

Polikarpov I-16 Type 24 - Hasegawa 1/72

Polikarpov I-16 Type 24 - Hasegawa 1/72

Il modello è un Polikarpov I-16 Type 24, in scala 1/72 della Hasegawa, colorato con...

  • MIG 15

    MIG 15 "Fagot Egg" - Hasegawa

  • Ducati 900 SS - Tamiya 1/8

    Ducati 900 SS - Tamiya 1/8

  • Blohm und Voss 155 - Special Hobby 1/72

    Blohm und Voss 155 - Special Hobby 1/72

  • Miles Magister - RS Models 1/72

    Miles Magister - RS Models 1/72

  • Polikarpov I-16 Type 24 - Hasegawa 1/72

    Polikarpov I-16 Type 24 - Hasegawa 1/72

HomeTecnicaSimulare l'acqua

Simulare l'acqua

A volte nell'ambientare i propri modelli o diorami si presenta la necessità (o semplicemente il desiderio) di ricreare uno degli elementi più comuni sulla nostra terra: l'acqua. Questa, a seconda del contesto che staremo riproducendo, potrà essere di molti tipi: acqua di un torrentello, di una pozzanghera, di un lago, di un lento fiume oppure acqua sulla riva di una spiaggia, in un porto, in mare aperto, dell'oceano in tempesta.

Ognuna di queste "acque" può essere riprodotta in una o più maniere che le si confanno o che il modellista preferisce/riesce meglio.

Girovagando su internet si possono trovare alcuni articoli scritti da vari modellisti, oltre alle foto delle loro pregevolissime opere, che trattano il soggetto "acqua". Questo Articolo vuole essere una "somma" di quanto appreso da tali navigazioni, da interventi su Forum vari nonchè dall'esperienza personale visto che anche a me è preso quel desiderio! :)

Che io sappia, ci sono 3 materiali principali con cui simulare l'acqua:

  • Stucco
  • Silicone
  • Resina


Stucco

Questo materiale si presta perlopiù a simulare il mare in scale piccole, come le classiche scale da modellismo navale: 1/350 e via dicendo.Volendo si potrebbe utilizzare anche per 1/144 e al massimo 1/72. Ma, almeno nella mia opinione, per scale così grandi ci vuole molta bravura nel modellare le singole onde/movimenti dell'acqua. Il procedimento è abbastanza semplice; rifacendomi direttamente ad esempi visti, se volessimo ambientare una (o più) navi in navigazione sull'oceano, dovremmo innanzitutto procurarci un foglio di alluminio (di quello da cucina...) e "accartocciarlo" un pò (senza esagerare)... questo ci servirà per dare la trama delle onde che increspano la superficie del mare.

Posizioniamo questo foglio (che non dovrà avere buchi!) su un piano e su di esso costruiamo una "cassaforma" con del legno (o qualunque cosa preferiamo). All'interno di tale forma andremo a colare lo stucco (o il gesso, se preferiamo). Volendo possiamo cercare di rinforzare il tutto unendo tra i vari strati anche una garzetta che eviterà screpolature, crepe, e renderà la "tavola" più resistente. Una volta asciutto il tutto (vale la pena di aspettare un buon tempo!) togliamo la "cassaforma" e giriamo la tavola ottenuta.

Su questa base, una volta individuata la posizione del/dei modello/i, cominceremo a lavorare con altro stucco (ovviamente non da colata, ma modellabile!) tipo milliput o simili, per ricreare le onde maggiori, quelle della scia, quelle sollevate dalla prua che taglia l'acqua..
Modellate tutte le cose che ci servono, passiamo alla colorazione, che può essere fatta a pennello (in tale modo si dà una colorazione non uniforme, che spesso aiuta a rendere il tutto + reale) oppure con l'aerografo, come preferiamo e riteniamo più opportuno...
Quando arriveremo alle creste, gli daremo progressivamente colori più tendenti al bianco, fino ad arrivare al bianco puro per la schiuma...
In finale, diamo una passata di trasparente lucido (o satinato, de gustibus) per l'effeto umido...

Questo è "sommi capi" il procedimento per usare questo materiale, più in dettaglio viene trattato in questo articolo, presente su www.ipmsstockholm.org, per andare direttamente alla pagina cliccate qui (è in inglese, ma si legge piuttosto bene!).


Silicone

Generalmente è usato insieme agli altri materiali, per riprodurre gli schizzi, le piccole onde, oppure l'acqua su ruote durante un guado, etc... Viene utilizzato come se fosse una pasta modellabile...(solo che poi è trasparente e quasi...)


Resina

Esistono vari tipi di resine per simulare l'effetto acqua, io personalmente ho avuto esperienza solo con una di queste, della nostrana Prochima, che è una resina bicomponente, quasi inodore e trasparentissima, colorabile mediante opportune paste coloranti. Confrontandosi con altri modellisti, si scopre che questo non è l'unico prodotto sul mercato, e che esistono anche resine monocomponente (più facili da usare in quanto non richiedono dosaggio dei componenti), o addirittura sostanze tipo "Gel" da usare previo riscaldamento a bagnomaria o col Phon.

Tra le Resine Monocomponente, si può citare quella della woodlandscenics (ditta di accessori per Fermodellismo), che stando alla descrizione fatta sul sito è molto simile come consistenza e lavorabilità al silicone. Questo è un parametro importante, infatti quasi tutte le resine bicomponente hanno la caratteristica di "Autolivellarsi" e dunque, a meno di buoni sforzi, generano superfici piatte o poco mosse...

Infine, per quel che riguarda le altre sostanze (gel & co.) si può citare la ditta Nimix, di cui purtroppo non ho referenze internet, che appunto produce una sostanza gommosa da scaldare a bagnomaria, e poi modellare...(non riesco a dare maggiori dettagli, sorry...)

 

di Cristiano Bartolini

 

Go to top