Spitfire Mk IX UTI - AZ Model 1/72

Spitfire Mk IX UTI - AZ Model 1/72

Il velivolo è un Mk IX standard modificato direttamente in URSS per realizzare un biposto...

Gloster Gladiator - Hobby Boss 1/72

Gloster Gladiator - Hobby Boss 1/72

L’Aviazione Lettone ebbe in carico 26 aerei, acquistati direttamente dalla Gran Bretagna...

Eurofighter Typhoon - Revell 1/72

Eurofighter Typhoon - Revell 1/72

Il modello Revell in Scala 1/72 riproduce correttamente le forme di questo bel caccia europeo. ...

VEF Irbitis I-16 - CMR 1/72

VEF Irbitis I-16 - CMR 1/72

Il velivolo è un caccia monomotore ad ala bassa realizzato da Karlis Irbitis...

MIG 15

MIG 15 "Fagot Egg" - Hasegawa

Ecco un simpatico modellino “caricaturale”. E’ molto simpatico, lo stampo...

  • Spitfire Mk IX UTI - AZ Model 1/72

    Spitfire Mk IX UTI - AZ Model 1/72

  • Gloster Gladiator - Hobby Boss 1/72

    Gloster Gladiator - Hobby Boss 1/72

  • Eurofighter Typhoon - Revell 1/72

    Eurofighter Typhoon - Revell 1/72

  • VEF Irbitis I-16 - CMR 1/72

    VEF Irbitis I-16 - CMR 1/72

  • MIG 15

    MIG 15 "Fagot Egg" - Hasegawa

HomeModelliGallerieAereiAerei WWIIVEF Irbitis I-16 - CMR 1/72

VEF Irbitis I-16 - CMR 1/72

VEF Irbitis I-16 - CMR 1/72VEF Irbitis I-16 - CMR 1/72

Il velivolo è un caccia monomotore ad ala bassa realizzato da Karlis Irbitis (prolifico progettista lettone che dopo la 2^ Guerra Mondiale ha proseguito la sua attività in Canada) per la VEF (Valsts Elektrotehniskā Fabrika - Industria Elettrotecnica Nazionale) di Riga nel 1938-40.
Dopo il primo volo, avvenuto nella primavera 1940, seguirono alcuni test di fabbrica fino al giugno 1940, quando la Lettonia fu occupata dall’Unione Sovietica. Non si hanno notizie di un utilizzo diretto da parte dei sovietici mentre dopo l’invasione tedesca nel giugno 1941 vennero completati i test e l’aereo venne preso in carico dalla Luftwaffe con i codici AW+10 e utilizzato per addestramento.

VEF Irbitis I-16 - CMR 1/72VEF Irbitis I-16 - CMR 1/72

Il kit
La scatola contiene i pezzi in resina e due canopy in vacuform; le decals permettono la realizzazione di 3 versioni, che dovrebbero rappresentare la storia dell’aereo: le insegne militari lettoni Ugunskrusts, le svastiche rosse o “croci di fuoco” e senza numero identificativo (manca purtroppo il logo della fabbrica posto su entrambi i lati); le stelle rosse della VVS per il periodo di occupazione sovietica (anche se non si hanno evidenze dell’aereo con le insegne sovietiche); croci e svastiche della Luftwaffe e il codice identificativo AW+10, per il periodo dell’occupazione tedesca (di cui si hanno evidenze fotografiche).
Il modello è abbastanza basico, come del resto l’aereo originale. I pezzi comprendono le due semifusoliere, le semiali (in una stampata unica), i piani di coda, le gambe del carrello carenate, le ruote e il ruotino di coda, l’elica e le parti interne dell’abitacolo (seggiolino con paratia e struttura posteriore, barra di comando, pannello strumenti,), oltre ad alcuni piccoli pezzi accessori (radiatore, tubi di pitot e venturi, bilancieri degli alettoni). Le pannellature sono in negativo e piuttosto leggere ma non ho avuto bisogno di riprenderle. 

VEF Irbitis I-16 - CMR 1/72VEF Irbitis I-16 - CMR 1/72

Il montaggio non è particolarmente complicato, visto il numero limitato delle parti; l’abitacolo è basico (seggiolino, pianale e struttura di rinforzo in un pezzo unico, oltre a cloche e pannello strumenti). Per le parti principali, fusoliera e ali, serve un po’ di lavoro con stucco e carta abrasiva. La solita attenzione poi va posta nel tagliare il tettuccio in vacuform, e la sua forma necessita di molta attenzione nel montaggio, soprattutto nella parte che è curva.
 

VEF Irbitis I-16 - CMR 1/72VEF Irbitis I-16 - CMR 1/72

Per la colorazione la bibliografia indica una verniciatura in “aluminium bronze” che ho cercato di riprodurre miscelando il Flat Aluminium (XF 16) e il Bronze (X 33) Tamiya in proporzione di 2 a 1. Per gli interni, non avendo alcuna idea del colore originale e per analogia con i coevi aerei russi e tedeschi, ho utilizzato un grigio più scuro.

VEF Irbitis I-16 - CMR 1/72VEF Irbitis I-16 - CMR 1/72

Le decals si collocano senza problemi e, dopo la consueta sigillatura col trasparente lucido, ho fatto un weathering minimale. Dato il breve utilizzo della macchina, ho evidenziato le poche pannellature e realizzato leggeri residui degli scarichi motore. La finitura finale è in trasparente opaco.
Le uniche modifiche apportate al modello riguardano, oltre al dettaglio basico dell’abitacolo, la realizzazione delle luci alle estremità alari, la foratura delle prese aria del motore, il logo di fabbrica VEF (parte con trasferibile, parte a china) e la riproduzione della giuntura del tettuccio, composto da due semi valve incollate.

VEF Irbitis I-16 - CMR 1/72VEF Irbitis I-16 - CMR 1/72

Ambientazione
Il modello è stato ambientato nel breve periodo di utilizzo da parte dell’aviazione lettone e collocato su una superficie in cemento, ambientazione che vuole richiamare le fotografie dell’epoca che ritraggono sia l’esemplare lettone che quello tedesco.

VEF Irbitis I-16 - CMR 1/72VEF Irbitis I-16 - CMR 1/72

Bibliografia
www.latvianaviation.com, VEF IRBITIS I-16
Irbitis, Karlis Of Struggle and Flight, Canada’s Wing, 1986
Latvian Air forces 1918-1940, Blue Rider Publishing, 2001

 

Modello di Giovanni Zecchini

 

Go to top